Scopriamo cos’è il job coaching!

Nel mio scorso post ho spiegato che cos’è il coaching. Oggi vorrei parlarvi del job coaching; vediamo di cosa si tratta e come funziona. Questa specialità del coaching è sempre più diffusa, anche in Italia, ma il job coaching viene spesso confuso con il career coaching o il business coaching. Aree simili, perché trattano sempre gli aspetti relativi alla vita professionale, ma molto diversi tra loro.

Career coaching e business coaching

Il career coaching è strettamente legato al percorso di crescita, ovvero la carriera, in ambito aziendale. Da quando si inizia a lavorare in azienda, solitamente da giovane neolaureato in un ruolo junior, a quando si raggiunge l’apice della carriera come manager. Durante questo percorso si cambia ruolo, azienda e responsabilità a seconda delle scelte che facciamo e le opportunità che troviamo sulla nostra strada. Il career coaching aiuta le persone a individuare il proprio piano di crescita e a implementarla, in qualsiasi momento della carriera.

Il business coaching invece si focalizza sugli imprenditori e i freelance che lavorano, o vorebbero lavorare, in proprio. Anche in questo caso il coach aiuta a trovare il percorso imprenditoriale più idoneo, a partire dalla fase di start-up fino alla fase in cui l’attività (o il libero professionista) ha bisogno di innovarsi o creare nuovi progetti.

Job coaching

Il job coaching invece è indicato per le persone che sono alla ricerca del lavoro giusto, da dipendente o da imprenditore, a tutte le età e in tutti i momenti della vita professionale. Spesso nasce da un’esigenza molto specifica: non mi piace più il mio lavoro ma non so cosa fare, come faccio a trovare un’alternativa concreta? Già. È una domanda che mi sono posta anch’io! La risposta è semplice e allo stesso tempo complicato: bisogna partire da te stesso, capire cosa vuoi e dove vuoi andare. Bella domanda. Perché ci viene così difficile trovare la risposta?

Il lavoro è cambiato

Dal dopoguerra, con la generazione dei nostri genitori, il nostro approccio al lavoro e al denaro è cambiato radicalmente. La nostra è una società consumistica dove lavorare significa guadagnare soldi, status e la possibilità di comprare ciò che vogliamo. Tutto vero, ma abbiamo perso di vista una cosa importante: il significato o scopo del lavoro che facciamo. Quante persone conosci che credono che il lavoro porti infelicità, noia e stress? Forse tu stesso sei una persona che ogni sera torna dal lavoro stanca, stressata e demotivata? Ecco, questo è un male comune ed è causato dalla mancanza di scopo e significato nel lavoro. A volte ce ne rendiamo conto subito, a volte ce ne accorgiamo dopo anni di lavoro, anche al top della propria carriera. Uno psicologo del lavoro inglese ha usato la metafora per descrivere questa sensazione: ‘essere arrivati  in cima alla scala e accorgersi che è appoggiata al muro sbagliato’.

La buona notizia è che si può ritrovare il significato nel proprio lavoro, cambiando delle piccole cose nello stesso ruolo o nella stessa azienda oppure cambiando lavoro. Ma per fare ciò è importante capire cos’è per te lo scopo del tuo lavoro, cosa ti dà energia e soddisfazione. E a questo punto ti blocchi (sottoscritta inclusa, fino a qualche tempo fa), perché non sempre sai chi sei, cosa vuoi, cosa ti piace fare, cosa NON ti piace fare, quali sono tuoi talenti e valori. Il job coach entra in gioco proprio qui. Tramite domande, feedback e esercizi il coach può aiutarti a chiarire le idee. E tracciare insieme la strada per portarti a un lavoro veramente giusto per te.

La sfida

Sembra una cosa impossibile? Tranquillo, non lo è. Bisogna fare una buona analisi di tutte quelle cose che prendiamo per certe perché ‘ci è sempre stato detto così’.. e metterle in discussione! Forse anche tu hai scelto l’università in base a quello che ti hanno consigliato i tuoi genitori. Oppure sei convinto che lavorare sodo è l’unico modo per ottenere il benessere (anche economico). O che non puoi permetterti il lusso di lasciare un posto fisso. Anche se quel lavoro ti sta stretto, non ti piace e ti toglie energia.

E se invece ci fosse un’alternativa? Un lavoro che ti fa sentire a casa, stimolato e energizzato allo stesso tempo? Che puoi guadagnare i soldi che ti servono facendo il lavoro che ti piace? Sono fermamente convinta che questo lavoro esiste per ognuno di noi. E che questo lavoro non verrà a bussare alla tua porta ma devi cercarlo per trovarlo. Chi può aiutarti meglio in questa ricerca di un job coach?

Facebook
Twitter
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie

Eventi

Newsletter

Vuoi ricevere periodicamente la mia newsletter contenente articoli del blog, esercizi e spunti interessante?