Lasciare andare

Questo mese ho riflettuto molto sul significato di “lasciare andare”. Un tema apparentemente facile che in realtà può essere piuttosto difficile. Cosa significa per te lasciare andare? A me fa pensare alle cose del passato, al peso che ci trasciniamo dietro da troppo tempo e alla leggerezza che desideriamo avere nella nostra vita quotidiana.

Per trovare questa leggerezza bisogna togliere tutte le zavorre che nel tempo si sono attaccate alle nostre spalle e al nostro cuore. Ciò significa dover fare delle scelte, tagliare i rami secchi e dire addio a tutto ciò che ci trascina giù – come potremmo spiccare il volo se siamo troppo pesanti?

La tua storia

Affrontare i pesi del passato non è affatto un gioco da ragazzi. Ogni persona ha una storia unica e dei modi diversi per gestire le proprie emozioni a riguardo. C’è chi ha avuto una vita felice con una famiglia amorevole e chi invece ha vissuto delle situazioni molto più ardue. Il tuo passato influenza inevitabilmente il modo in cui vivi il presente ed è per questo che è importante riconoscere il tuo passato e sapere in che modo fa ancora parte di te.

Probabilmente ci sono delle cose positive, così come delle cose negative, nel tuo passato che ti rendono una persona speciale e ineguagliabile. Questa tua unicità è un’arma potentissima!

La first lady

Mi ha fatto pensare molto l’autobiografia di Michelle Obama, Becoming, che mostra in modo splendido il potere del proprio passato e delle proprie radici se vengono sfruttate in modo costruttivo. Michelle nasce in una famiglia molto unita, che abita però in un quartiere decisamente svantaggiato nella periferia di Chicago. I suoi genitori non navigano nell’oro ma nonostante le difficoltà economiche e di salute riescono a garantire un’ottima formazione ad entrambi i figli nelle migliori università statunitensi, come due dei pochi studenti di colore.

Michelle ha bisogno di conferme, dentro di sé non crede di essere abbastanza brava, e grazie alla sua determinazione e focus sull’obiettivo si laurea e avvia una carriera come avvocato in un prestigioso studio legale. È proprio in questo studio che incontra Barack Obama, un suo tirocinante. Non ti racconterò tutta la storia – ti consiglio di leggere il libro che è veramente ben scritto – perché ciò che mi ha colpito di più della sua storia è proprio l’inizio.

Il passato di Michelle è ricco di sfumature e i risultati che ha ottenuto non sono di certo arrivati su un piatto d’argento. Si è impegnata molto a raggiungere gli obiettivi prefissati, nonostante la sua partenza da molti punti di vista svantaggiata – basta ricordarsi che una ragazza nera proveniente da un quartiere malfamato di una grande città non era esattamente ben vista negli Stati Uniti degli anni ’70 e ’80.

Cosa ti può insegnare il tuo passato

Quello che Michelle racconta nel suo libro è come il suo passato è stato per lei invece un ottimo insegnamento e una grande risorsa. Nel corso degli anni è riuscita a trasformare i pesi del suo passato in opportunità per il futuro. È stato semplice? Assolutamente no, ha lavorato sodo, non solo dal punto di vista professionale ma soprattutto per quanto riguarda la crescita personale. Lasciar andare ciò che non poteva cambiare del suo passato e accettare ogni parte di sé l’ha aiutata a diventare la persona che è oggi.

Lascia andare

Non ti racconto tutto questo per dirti che dovremmo essere tutte come Michelle Obama ma per ricordarti che non puoi cambiare il tuo passato, ma l’interpretazione che dai a questo passato sì. Le esperienze negative possono diventare una fonte di coraggio, quelle positive un esempio a cui aspirare. Lascia andare tutto ciò che ti appesantisce, prendendo consapevolezza che tutte quelle cose rappresentano una parte preziosa del tuo essere. E tu, cosa potresti lasciare andare?

Facebook
Twitter
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie

Eventi

Newsletter

Vuoi ricevere periodicamente la mia newsletter contenente articoli del blog, esercizi e spunti interessante?